Gen 03, 2023 19:12 Europe/Rome
  • Seyyed Hasan Nasrallah: Generale Soleimani era un soldato della Guida

BEIRUT (Pars Today Italian) –– Il segretario generale del movimento libanese Hezbollah ha dichiarato...:

Il generale Soleimani era un soldato della Guida e ha voluto che sulla sua tomba fosse scritto "soldato della Guida" e ha vissuto così. La mattina di venerdì 3 gennaio 2020, nell'attacco missilistico di elicotteri americani su 2 auto nei pressi dell'aeroporto di Baghdad, il tenente generale Qassem Soleimani, ex comandante della Forza Quds del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche, insieme ad Abu Mahdi Al-Muhandis, il vicepresidente della mobilitazione popolare dell'Iraq (Al-Hashd al-Shaabi) e 8 persone dei suoi compagni sono caduti martire. Nel suo intervento in occasione del terzo anniversario del martirio di Qassem Soleimani e Abu Mahdi Al-Muhandis, Seyyed Hassan Nasrallah, ha affermato che Haj Qassem è sempre stato presente in tutti i campi della resistenza. Sfortunatamente, alcune persone cercano di far sembrare che i gruppi palestinesi siano uno strumento nelle mani della Repubblica islamica dell'Iran e ne siano dipendenti. Ma non è affatto così. La Repubblica islamica dell'Iran è una potenza grande, importante, capace e influente nella regione. Il segretario generale di Hezbollah del Libano ha affermato che il martire Qassem Soleimani ha svolto un ruolo importante nell'ottenere il potere dei gruppi di resistenza e dare speranza e morale in situazioni difficili e crisi, e negli ultimi 20 anni, Haj Qassem è stato l'anello di congiunzione del asse della resistenza. Nasrallah ha aggiunto che per due decenni il martire Soleimani si è occupato di due versioni del programma americano nella regione e le ha fallite, e dobbiamo essere pronti ad affrontare la terza versione del programma americano nella regione, perché l'obiettivo degli Stati Uniti è quello di dominare la regione e controllare le risorse, petrolio e gas e risorse naturali della regione, nonché il processo decisionale politico nella regione. Il segretario generale di Hezbollah ha affermato che coloro che hanno avviato la resistenza in Iraq sono stati i gruppi e le correnti irachene che il martire Soleimani ha svolto un ruolo nell'addestramento e nella pianificazione per loro insieme ad Abu Mahdi Al-Muhandis. Se la Siria non si alzasse e non ci fosse la volontà di resistere in Iraq e se non ci fossero i martiri Soleimani e Imad Mughniyeh, l'America occuperebbe la regione. Nasrallah ha inoltre aggiunto che il governo americano aveva già indagato sul piano di assassinio di Qassem Soleimani e lo ha fatto per raggiungere obiettivi specifici. Il primo obiettivo del governo americano era rompere l'asse della resistenza.

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:

Instagram: @parstodayitaliano

Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte

Twitter: RadioItaliaIRIB

Youtube: Redazione italiana

VK: Redazione-Italiana Irib

E il sito: Urmedium

Tag