Giu 18, 2022 03:48 Europe/Rome
  • Putin: le sanzioni occidentali contro Russia sono folli

MOSCA-Le sanzioni occidentali contro la Russia sono folli e sconsiderate.

Lo ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin, intervenendo al Forum economico internazionale di San Pietroburgo. “Questa è la natura sia dell’attuale attacco della russofobia in Occidente che delle folli sanzioni contro la Russia. Folli e, direi, sconsiderate”, ha affermato il capo dello Stato citato dall’agenzia Nova. Putin ha poi sostenuto che il loro scopo era “schiacciare l’economia russa” a spese della “distruzione delle catene commerciali, del ritiro forzato delle società occidentali dal mercato russo, del congelamento dei beni nazionali per colpire l’industria, la finanza, il tenore di vita delle persone. Non ha funzionato”, ha sottolineato Putin aggiungendo che, secondo gli esperti, “solo il conteggio diretto delle perdite dell’Unione europea dovute alla febbre delle sanzioni nel prossimo anno può superare i 400 miliardi di dollari”. “Questo è il prezzo di decisioni avulse dalla realtà e prese contro il buon senso. Questi costi sono direttamente sostenuti dalla popolazione e dalle imprese dell’Unione europea”, ha sostenuto il capo di Stato russo.

I politici europei, ha proseguito Putin, hanno già causato “con le loro stesse mani seri danni alla propria economia per via delle sanzioni alla Russia”. Secondo il presidente russo, la colpa di questa situazione, riferendosi prima di tutto all’alto tasso di inflazione nella Ue che “sta colpendo il suo stesso business”, è nella politica sanzionatoria che ora colpisce la Russia ma “potrebbe colpire in futuro qualunque altro Paese”. Il capo dello Stato ha poi criticato l’Unione europea per aver perso irreversibilmente la propria sovranità, mentre le sue élite “ballano una musica suonata da altri”.

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:
Instagram: @parstodayitaliano
Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte
Twitter: RadioItaliaIRIB
Youtube: Redazione italiana
VK: Redazione-Italiana Irib
E il sito: Urmedium

Tag